A pochi giorni dall’esordio nel campionato di Serie B per l’Amatori Parma, subito impegnata in un duro confronto con la trasferta di Pesaro, abbiamo fatto una chiacchierata con Roberto Viappiani che si appresta ad iniziare la seconda stagione sulla panchina dei blucelesti.

Domenica sarà di nuovo campionato, si riparte dal settimo posto della scorsa stagione ma anche un anno in più di esperienza dopo i profondi cambiamenti nello staff e nella rosa della scorsa estate…..

Domenica riprenderemo il campionato con l’intenzione massima da parte mia e di tutto il mio staff di far notare che questo gruppo ha qualche mattoncino in più rispetto alla scorsa stagione, siamo riusciti infatti a raffinare alcuni aspetti che l’anno scorso si presentavano un pò grezzi focalizzandoci soprattuto sulla maturazione e la comprensione degli aspetti tecnico/tattici del gioco di questo gruppo, lavoro di qualità dovuto sicuramente alle conferme e alle nuove figure entrate che cooperano con me nel nostro staff, Oliviero Fabiani su tutti che grazie al suo lavoro nell’intera stagione scorsa ha portato il gioco della mischia ad ottimi livelli. Per quanto riguarda la figura del preparatore fisico ci affideremo, con estrema fiducia da parte mia, a Marco Letizia che a casusa di un infortunio che lo lascierà fuori tutta la stagione ci darà il suo contributo ricco di esperienza e di qualità in materia maturato grazie al lavoro con l’accademia federale. La cigliegina sulla torta è sicuramente l’ingresso, per il ruolo che ricopre nelle Zebre, di Tommaso Castello che aiuterà il gruppo su molteplici aspetti del gioco. Come ultima cosa e non per importanza, quest’anno la società ha voluto rafforzare e migliorare l’aspetto dello staff medico che è una componente importantissima per una stagione sportiva soprattutto in uno sport come il nostro, credo quindi che ci siano tutte le carte in regola per affrontare al meglio questo campionato.

Rispetto allo scorso anno avete perso Bosco, Saccò e Zanacca ma in compenso diversi ritorni, nuovi giocatori e alcuni promossi dall’under 18, presentaci i volti nuovi.

Esatto, rispetto a l’anno scorso abbiamo perso per cause diverse alcuni giocatori ma abbiamo implementato la nostra rosa con diversi ragazzi, ritorni di qualità come quello di Giacomo Torri all’apertura e Filippo Maghenzani tra i centri che grazie all’esperienza nel campionato di Eccellenza si sono già contraddistinti negli allenamenti e nelle partite pre – campionato dando alla squadra un forte impatto e mostrando ottime capacità, rinforzando così il livello della linea di tre quarti. Si aggiungono il ritorno di Guido Dondi dopo l’esperienza spagnola, dove ha guadagnato la promozione al termine di un campionato di sole vittorie, e Davide Dodi come estremo proveniente dal Noceto. Da sottolineare l’ulteriore apporto da parte dei ragazzi saliti dalle nostre giovanili come Mario Gherri, un utilty back già utilizzato nel finale del campionato scorso, e di Riccardo Spagnoli all’ala.

Per quanto riguarda gli avanti spicca sicuramente l’innesto di Lorenzo Contini a numero 8, giocatore dal curriculum importante che porterà nel pacchetto quell’esperienza in più andando anche ad aggiungere, grazie a una mole fisica importante, del peso al nostro pacchetto assieme al ritorno all’Amatori del pilone Luca Coraci. Sempre nel pacchetto sono saliti dalla giovanile ma già hanno fatto vedere la loro voglia di conquistarsi un posto nella squadra Francesco Minelle e Giacomo Domeniconi.

Ci tengo però a sottolineare che il mio pensiero, condiviso da tutto lo staff, è sicuramente di beneficiare di questi nuovi inserimenti ma di ripartire con quello zoccolo duro di giocatori creato e costruito nella scorsa stagione.

Con 7 posti disponibili per la serie A sicuramente ci saranno più pretendenti alla promozione, quali le squadre più accreditate alla vittoria finale?

Credo che le squadre piu’ accreditate alla vittoria finale saranno sicuramente il Pesaro neo retroccesso che conosce meglio le dinamiche per vincere un campionato di Serie B assieme alla Rugby Parma che è arrivata vicinissimo ai play-off e al Bologna 1928 che ai play-off ci è arrivata.

E gli obiettivi dell’Amatori Parma?

Non sbilanciandomi vi dico che sarà sicuramente migliorare il 7° posto dello scorso campionato ma certamente posso affermare che saremo……..hard to beat “DURI DA BATTERE” e faremo i conti alla fine.

Cliccando "ACCETTO" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003)<br> RIFIUTO: Desidero maggiori informazioni (GDPR e Cookie)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi