AMATORI NEL SOCIALE

Le azioni filantropiche e più in generale la sensibilità verso chi ha bisogno d'aiuto fanno parte della storia dell'Amatori Parma Rugby ed ormai appartengono al dna dei suoi dirigenti e dei suoi atleti.

In un percorso sportivo complesso ed articolato come quello degli ultimi anni, gli interventi nel sociale sono rimasti una costante immutabile nell'attività dell'Amatori e costituiscono un buon esempio di come un club si possa e si debba aprire alla società civile, eliminando qualsiasi separazione o isolamento.

Le iniziative messe in atto dal sodalizio bluceleste hanno coinvolto associazioni presenti nei quartieri vicini a Moletolo, ma anche realtà di ambito provinciale e addirittura enti, come l'Ospedale dei Bambini di Parma, il cui raggio d'azione supera i confini regionali.

Anno dopo anno il club ha rinnovato le modalità di raccolta fondi coinvolgendo i propri partner, i tifosi, le famiglie dei propri tesserati, raccogliendo sempre risposte entusiastiche.

Insieme all'importante legame con l'Ospedale dei Bambini vanno sottolineate le collaborazioni con la Cooperativa Fiorente e con l'Associazione Portos, realizzate attraverso il sostegno offerto alle loro attività.

La partnership con la Cooperativa Fiorente, in particolare, rappresenta una novità nel panorama delle società sportive parmensi per la partecipazione fattiva al progetto “Oltre lavoro” del Comune di Parma, tramite l'inserimento di un ragazzo disabile come collaboratore del magazziniere del club.

Tralasciando per brevità l'elenco delle varie iniziative messe in atto in questi anni, vogliamo però ricordare la partecipazione costante ed ovviamente volontaria dei nostri atleti in tutte le occasioni che si sono via via presentate.

Insomma, la vita del nostro club si è sviluppata parallelamente dentro e fuori dal rettangolo di gioco. I successi sportivi ed il lavoro incessante sul settore giovanile oggi si riflettono e si affiancano ad un'attività sociale che ha fatto dell'Amatori Parma Rugby un modello d'integrazione con la comunità cittadina.

Pin It on Pinterest

Share This